Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise

Il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise è una delle aree più famose ed apprezzate della regione abruzzese. Il Parco, nato ufficialmente nel 1922, è uno dei più antichi d’Italia ed occupa territori appartenenti a tre Regioni: 3/4 del Parco appartengono all’Abruzzo (Provincia dell’Aquila) e la restante parte è divisa tra il Lazio (Provincia di Frosinone) ed il Molise (Provincia d’Isernia).

Il Parco fu creato con l’intento di proteggere e salvaguardare la straordinaria ricchezza faunistica e vegetale di un nucleo centrale originario. Man mano l’area protetta si estese fino ad arrivare alle dimensioni odierne.

Tra le specie animali più importanti che vivono nel Parco Nazionale d’Abruzzo ci sono il Lupo Appenninico, il Camoscio d’Abruzzo e l’Orso Bruno Marsicano.

Altre specie molto diffuse sono il Cervo, il Capriolo e gli uccelli rapaci, come l’Aquila Reale, il Falco, il Gufo e l’Allocco. Più timida e difficile da incontrare è la Lince. Lo stesso vale per altre specie più diffidenti come il Gatto Selvatico, la Martora, la Faina, il Tasso, il Riccio e la Donnola. E’ facilissimo, invece, incontrare (anche nei centri abitati e sulle strade) la Volpe, curiosa, socievole e sempre pronta a spillare cibo ai turisti.

All’interno dei territorio del Parco Nazionale d’Abruzzo ci sono numerosi borghi caratteristici, in genere posti sulle alture o nelle valli, e circondati da una natura fascinosa e lussureggiante. Tra questi paeselli di montagna i più meritevoli di una visita sono Barrea, per la splendida vista sul lago omonimo; Pescasseroli, per gli attrezzati impianti sciistici; Villetta Barrea, per l’atmosfera tranquilla ed il pittoresco Presepe Vivente messo in scena nel periodo natalizio; Pescocostanzo, per la tradizione orafa e per le bellezze architettoniche; Scanno, per i costumi tradizionali ancora oggi indossati dalle anziane del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *