Campeggiare sui traghetti: tutte le opzioni del camping on board

Probabilmente questa possibilità non è molto nota, ma molti traghetti permettono di campeggiare a bordo. Per tutti coloro che non ne hanno mai sentito parlare, spieghiamo cos’è il camping on board.

Dato che sempre più spesso si sceglie la formula del traghetto per partire e raggiungere isole o Paesi come Grecia, Albania, Croazia, si è pensato al modo per dare ai passeggieri la possibilità, molto richiesta, di campeggiare sul traghetto stesso. In poche parole, si viaggia comodamente con il proprio camper o roulotte e si ha la possibilità di vivere il traghetto come un vero e proprio campeggio. Tutto questo è anche molto conveniente e il perché lo si capisce immediatamente se si pensa che per campeggiare su un traghetto con il proprio camper basta pagare il biglietto di passaggio sul ponte e quello per il trasporto del camper sulla nave. In poche parole, quindi, si andrà a pagare una piccola somma per il passaggio sul ponte che è la modalità di traversata meno costosa in assoluto, alla quale si aggiungerà il prezzo per il trasporto del camper che andrebbe comunque pagato a monte se si vuole viaggiare con qualsiasi mezzo sulla nave. Pertanto, il proprio camper, con tutti i suoi comfort, sarà il sostituto della propria cabina.

Traghetto

Foto CC-BY di Zwiadowca21

Attenzione però, questo non significa che durante il tragitto in mare si dovrà restare chiusi nel camper senza la possibilità di uscirvi. Tutt’altro: si potrà usufruire di tutto quello che la nave offre e questo è un punto a favore di questa innovativa formula. A coloro che lo desiderano, quindi, viene permesso di soggiornare all’interno del proprio camper, usufruendo, però, di tutti i comfort messi a disposizione dal traghetto. Questo significa, quindi, che durante la traversata si potrà andare al bar, mangiare al ristorante, visitare i negozi che ci sono sul traghetto, giocare nei casinò se lo si desidera, fare un bagno in piscina e così via. L’ulteriore vantaggio sta nel soggiornare direttamente nel proprio camper, con tutti i propri effetti personali e, soprattutto, con le proprie comodità . In alcuni casi, a seconda delle navi e a seconda delle tratte, viene fornita anche la corrente elettrica ai camper.

Per chi sceglie questa formula, quindi, sarà un po’ come essere a casa, ma attraversando il mare e arrivando a destinazione.

Naturalmente, prima di prenotare, va chiesto se il traghetto che si desidera prendere prevede il servizio di camping on board e, soprattutto, se la tratta che si deve fare è tra quelle che consentono tale tipologia di traversata. Va da sé che, dato il numero limitato di spazi presenti sulla nave e adibiti ai camper, c’è da verificare innanzitutto la disponibilità di posto sul traghetto. Proprio per questo motivo è necessario, quindi, prenotare specificando che si vuole optare per il camping on board, in modo da agevolare la compagnia che, quindi, potrà organizzarsi al meglio per l’evenienza.

I prezzi e al disponibilità variano in base alla stagione e questo accade anche per le altre modalità di viaggio che possono essere scelte. Pertanto, è consigliabile muoversi per tempo e prenotare con largo anticipo ove possibile. I veicoli che viaggiano con opzione camping on board sono tenuti a presentarsi all’imbarco 3 ore prima della partenza, in modo da agevolare il più possibile le operazioni di imbarco. Durante il viaggio, poi, non si potranno usare combustibili di alcun tipo e questo per fattori di sicurezza che, naturalmente, è un aspetto che non può essere assolutamente tralasciato.

Una volta saliti a bordo, con il proprio camper, le regole da rispettare sono quelle del traghetto che sono volte al rispetto della sicurezza e della convivenza con tutti gli altri passeggeri. Ci si potrà comportare esattamente come se si è in un campeggio qualsiasi, con il vantaggio di fare la traversata.

Quando si hanno bambini, l’opzione di viaggio in modalità camping on board è altresì nota come open deck, ed è molto comoda, perché permette di non far disorientare troppo i piccoli che avranno la percezione di essere a casa propria, dato che il camper è proprio considerabile come una seconda casa.

Al momento sono già tante le navi che permettono questa tipologia di viaggio ma di sicuro il numero delle stesse continuerà a crescere, perché ci sono sempre più richieste in tal senso. Si consiglia, quindi, di chiedere al momento della prenotazione se c’è o meno la possibilità di campeggiare sul traghetto con la nave e per la tratta prescelta. Come detto, l’ulteriore consiglio è quello di prenotare con largo anticipo onde evitare di non trovare più posti liberi in cui parcheggiare il proprio camper per la traversata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *