Come festeggiare il Capodanno in Spagna

Quando si cercano delle idee per festeggiare il Capodanno, la Spagna è una delle prime mete che vengono in mente. Tuttavia, la nazione è grande e i festeggiamenti sono differenti in ciascun posto: pertanto, è preferibile avere un chiaro quadro della situazione, in modo da poter scegliere la meta perfetta in base alla propria idea di ultimo dell’anno.

Le tradizioni del Capodanno spagnolo sono diverse e tutte molto suggestive. Una tra le più note è quella del mangiare dodici chicchi di uva allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre. La campana suona dodici rintocchi e chi riesce a mangiare tutti e dodici i chicchi a tempo avrà un anno ricco di soddisfazioni e fortuna: cosa si potrebbe volere di più? Vale anche per i turisti, ve lo assicuriamo.

Sebbene questa tradizione si rispetti in ogni angolo della Spagna, a Madrid diventa molto più suggestiva, perché i rintocchi vengono direttamente dall’orologio della Puerta del Sol, uno dei simboli della città, che accoglie una nutrita folla la sera del 31 dicembre. Tanta gioia e una grande festa, rendono il momento unico. Proprio per questo motivo, se si sta programmando un Capodanno in Spagna, non ci si può perdere l’occasione di visitare la bella capitale e di vivere qui i primi minuti del nuovo anno. Prenotando con un po’ di anticipo ci si potrà assicurare il migliore alloggio possibile al minor prezzo.

Puerta del Sol

Foto CC-BY-SA di Slick-o-bot

Per tutti coloro che, invece, vogliono passare un Capodanno alla ricerca del divertimento sfrenato, la meta ideale è Barcellona, seconda città della Spagna ma non certo per importanza e fama. Anche per la capitale della Costa Brava si trovano numerosi voli low cost che favoriscono chi può pensare solo a una vacanza low budget. Per chi vuole partire alla volta di Barcellona per il Capodanno in Spagna, ecco tutto quello che c’è da sapere: la prima cosa è che, senza dubbio, il divertimento sarà assicurato, visto che in ogni angolo della città, oltre che nei club, nei locali e nelle discoteche, organizzano delle feste da sballo. Trovare quella più adatta ai propri gusti sarà un vero e proprio gioco da ragazzi. Cerveza, sangria e musica la faranno da padrone, per regalare un Capodanno con i fiocchi. Per i festeggiamenti in piazza, c’è da dire che si svolgono nelle due piazze principali, Plaza Catalunya e la Plaça de Toros Monumental.

 

Foto CC-BY di Florencia Giordano

Qui si trovano dei maxischermo sintonizzati sul Capodanno della Puerta del Sol, a Madrid. Non si possono di certo perdere i fuochi d’artificio che illuminano la bellissima capitale. A Barcellona non ci sono spettacoli pirotecnici per il Capodanno, ma il divertimento è assicurato ugualmente.

Per chi ama il divertimento ma non vuole scegliere Barcellona come meta del proprio Capodanno in Spagna consigliamo di rimanere comunque in Costa Brava, dato che questo è il fulcro della movida spagnola. Lloret de Mar, ad esempio, è un’ottima alternativa se si cerca il divertimento a costi più contenuti rispetto a quelli che offre Barcellona. Qui discoteche e locali notturni organizzano delle feste a dir poco indimenticabili per tutti coloro che si vogliono divertire per festeggiare la fine del vecchio anno e l’inizio del nuovo.

Queste sono solo alcune idee per passare un Capodanno spagnolo: tutte le città della nazione, da Siviglia a Girona, da Valencia a Barcellona, passando per Madrid e altre città più piccole ma molto caratteristiche, offrono delle possibilità per passare un giorno speciale, all’insegna della tradizione e del divertimento. Il miglior consiglio da dare in questi casi è quello di riuscire a prenotare tutto con un po’ di anticipo, in modo da riuscire ad unire al divertimento anche la possibilità di risparmiare il più possibile.

Muovendosi per tempo, si riusciranno a trovare tutte le tariffe migliori soprattutto per ciò che concerne hotel e strutture ricettive. Del resto, sebbene le offerte last minute, che contengono pacchetti talvolta completi, siano sempre abbastanza convenienti, è meglio evitare di rischiare di non trovare più nulla.

Ricordiamo inoltre che la Spagna è facilmente raggiungibile anche tramite traghetti e, anche in questo caso, la prenotazione d’anticipo è d’obbligo se non si vuole rischiare di “salatare” la vacanza (questo vale anche per gli altri mezzi come l’aereo o il bus).

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *