Il clima della Tunisia

Quando si pensa a delle vacanze al caldo, sempre più spesso si pensa alla Tunisia, tra le mete più gettonate degli ultimi anni. Si tratta di uno dei tanti Paesi dell’Africa del nord, raggiungibile anche in maniera abbastanza semplice, perfino in traghetto. Ma qual è il clima della Tunisia? Il quesito ce lo si deve porre qualora si desideri fare una vacanza in loco, dato che è bene sapere quello che è il periodo migliore per partire.

Parlando della Tunisia e del suo clima, bisogna sottolineare che la nazione non si presenta uniforme sotto questo punto di vista, dato che solitamente vengono riconosciute tre diverse aree geografiche, caratterizzate da temperature e clima differente. Questo significa che, in base alle proprie esigenze, è preferibile scegliere una piuttosto che un’altra. Ma entriamo nello specifico e cerchiamo di capire di cosa si sta parlando.

La prima zona che si andrà a prendere in considerazione, è la zona costiera della Tunisia, che è quella privilegiata da coloro che cercano il caldo e il mare. Qui di trovano temperature abbastanza miti tutto l’anno. In questa zona della Tunisia, infatti, si passa dai 32° di massima media di agosto ai 15° di minima media di gennaio, senza che ci siano picchi estremi sia di freddo che di caldo. Tutto ciò rende questa zona ideale per chi desidera fare delle belle vacanze. Il periodo invernale, sebbene non sia per nulla freddo, è quello che è maggiormente caratterizzato dalle piogge e dal maltempo anche se, c’è da sottolinearlo, i fenomeni precipitativi non sono mai intensi e frequenti come in altri Paesi.

Scendendo verso sud e andando verso il centro della Tunisia, si arriva nella zona desertica, in cui il clima è sempre più arido. Qui si raggiungono temperature notevoli, che talvolta salgono al di sopra dei 40°. Man mano che ci si allontana dal mare, quindi, le temperature si alzano e, soprattutto, il clima diventa molto più secco e arido. Di giorno fa caldissimo, ma l’escursione termica notturna è notevole e questo può creare diversi disagi a chi non è abituato. Naturalmente, più il clima diventa arido e più diminuiscono le piogge. La terza zona è quella a sud della Tunisia che, naturalmente, è la zona arida per eccellenza.

Qual è, invece, il clima di Tunisi, capitale della nazione, nonché città più amata e visitata dai turisti provenienti da tutto il mondo? La città offre delle temperature medie che non si alzano quasi mai sopra i 33 gradi e non scendono mai sotto i 7 gradi di gennaio e febbraio. Si tratta, naturalmente, di temperature medie, ma si capisce che Tunisi gode di un clima mediterraneo molto favorevole.

A questo punto, la domanda che ci si pone è quando andare in Tunisia? Come si è potuto notare, la zona migliore è quella costiera, che offre un clima mite e temperato dal mare, mentre più ci si sposta verso il sud del Paese e più si trovano clima aridi e semi desertici e, soprattutto, escursioni termiche notevoli, che non rendono molto gradevole il soggiorno. Proprio alla luce di quanto detto, è preferibile soggiornare nella zona costiera, mite e piacevole, scegliendo accuratamente il periodo dell’anno.

tunisia

Foto CC-BY di …trialsanderrors

Si dovrebbe preferire il periodo della primavera o, perché no, quello dell’autunno, entrambi molto simili per le caratteristiche principali. Tutto questo per evitare delle estati molto calde o dei giorni estremamente piovosi che potrebbero rovinare la vacanza. Naturalmente, chi ama il caldo troverà nell’estate il periodo migliore per visitare la Tunisia, godendosi il mare e le spiagge, oltre a tutte le altre bellezze offerte. Ricapitolando, aprile, maggio e ottobre sono i mesi ideali per fare un giro a Tunisi e dintorni, mentre giugno e settembre (ma anche agosto se non si teme il caldo estremo) sono i mesi ideali per chi desidera viversi una bella vacanza di mare. Si deve notare che, talvolta, la stagione balneare si protrae fino a ottobre e questo potrebbe essere un ottimo momento per decidere di partire.

Per visitare il deserto, invece, il periodo migliore è l’inverno, dato che le temperature sono al di sotto dei 30 gradi e, quindi, accettabili. Pertanto, il periodo che va da novembre a marzo risulta essere ideale per tutti coloro che amano il deserto e vogliono visitarlo. Naturalmente, la stagione estiva è vivamente sconsigliata a tutti coloro che si vogliono avventurare alla scoperta del deserto, dato che si tratta del periodo con le temperature più alte in assoluto e il caldo torrido non permette la visita a chi non vi è abituato. Se non si può andare in inverno, aprile e ottobre sono due ottimi mesi per visitare il deserto, a patto che si trovino delle soluzioni per refrigerarsi durante il soggiorno in loco.

Prima di concludere, ecco dei consigli utili per chi parte per la Tunisia e deve fare la valigia. Chi è diretto a Tunisi o nella zona costiera nel periodo estivo deve portare con sé i vestiti leggeri, ma anche una felpa per la sera. Durante l’inverno, invece, andranno benissimo gli abiti per la mezza stagione ma anche maglioni e una giacca per la sera. Per chi va, invece, nel deserto, saranno molto utili i vestiti leggeri ma coprenti e una felpa o una giacca a vento per la sera. Nelle zone non turistiche, si consiglia alle donne un vestiario non troppo succinto, trattandosi di un Paese musulmano, anche se di larghe vedute, specialmente nelle città più grandi e votate al turismo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *