Puglia: un patrimonio inestimabile

La Puglia è, senza dubbio, una delle regioni più belle e ricche d’Italia e il perché va ricercato nella sua storia e nelle antiche tradizioni che qui sono ancora vive e molto sentite. Queste peculiarità rendono la regione una terra splendida e tutta da scoprire, nella sua interezza e, quindi, dal Gargano al basso Salento, passando per la Valle d’Itria, la Costa dei Trulli e tutti gli altri paesi del barese. Non c’è un luogo in Puglia che non merita di essere visitato ed è proprio questa la ricchezza di questa perla del Mediterraneo.

Da sempre la Puglia è l’anello di congiunzione tra Occidente e Oriente e nei secoli questo ruolo è stato più volte riconosciuto, tanto che moltissimi popoli hanno provato, talvolta riuscendoci e talvolta venendo cacciati in malo modo, a conquistarle, per godere a pieno delle sue ricchezze e delle sue potenzialità. Ma attenzione, perché la Puglia non è solo mare e sole, ma è anche cultura, arte e tradizioni che non possono essere tralasciate. Per questo motivo vi accompagneremo in un viaggio virtuale tra Adriatico e Ionio e tra tutte le bellezze di una terra che nel mondo tutti ci invidiano. Una delle caratteristiche principali di questa regione è che tutti i popoli e tutte le civiltà che si sono succedute hanno lascito qui le loro tracce: si nota e si guarda lo scorrere del tempo e si capisce cosa è accaduto e quale importanza ha avuto la Puglia.

Il nostro viaggio virtuale alla scoperta della Puglia lo vogliamo far cominciare dal basso e, quindi, dal Salento che, negli ultimi anni, sta diventando sempre più l’ombelico del mondo, specialmente durante il periodo estivo. Ormai il Salento, con tutte le sue bellezze barocche, con il suo mare e la sua vita, è un set cinematografico permanente, dato che sempre più registi lo scelgono come location per i loro lavori. Delle perle come Lecce, con le sue chiese barocche, le sue viuzze del centro storico, la sua tradizione enogastronomica, la pietra leccese, il calore della gente, è lo scenario ideale per i film, così come lo sono le coste salentine, da quelle ioniche a quelle adriatiche. Gallipoli e la sua movida sono il fulcro dell’estate, così come Porto Cesareo famosa per il suo mare sempre “piatto” molto gradito dai turisti che vi soggiornano (clicca qui per visualizzare appartamenti vacanze in affitto), Porto Selvaggio e tutte le marine di Nardò (per info www.nardoweb.it), ma anche Otranto e i suoi racconti sulla cacciata dei Turchi, il centro storico e la sua classe, lo sono.

Baia di Porto Selvaggio

E come dimenticare Santa Maria di Leuca (qui maggiori info), anche nota come de finibus terrae, punto preciso in cui si incontrano due mari, ma anche i turisti di tutto il mondo. Qui niente si può tralasciare e tutto lustra e riempie lo sguardo di chi ci arriva. Sole, spiagge, scogliere mozzafiato, fanno da cornice a questo meraviglioso paesaggio, sempre più spesso scelto da turisti italiani e non.

Leuca

Salendo verso nord, poi, ci imbattiamo nella bellezza di Torre Guaceto, riserva naturale che dà non solo la possibilità di immergersi nelle bellezze della natura e di venire a contatto con flora e fauna da tutelare, ma dà anche dei prodotti gastronomici di tutto rispetto, come il famoso pomodoro fiaschetto. Ma andiamo oltre e lasciamoci incantare dalla bella Ostuni, la città bianca per antonomasia, con il suo centro storico, la sua tradizione e le bellissime spiagge. Arriviamo, quindi a Savelletri, famosa per le sue masserie a cinque stelle e per l’essere marina di Fasano. Anche qui non si può prescindere da una visita. A cosa? Allo zoo e alla selva di Fasano. Proseguendo in direzione Bari, poi, troviamo le bellissime Monopoli e Polignano, due cittadine molto simili tra di loro, che meritano entrambe una visita approfondita. Arrivando a Bari, poi, si trova una città che lascia senza fiato per le sue bellezze: visitare il centro storico, oggi rivalutato e riqualificato, è un’esperienza unica e avvolgente, perché si riesce a carpire l’anima della città. Il lungomare, i negozi di lusso, le strade del passeggio, i musei, la chiesa di San Nicola, sono solo alcune delle cose imprescindibili quando si giunge a Bari. Ma il viaggio non finisce di certo, perché nelle vicinanze ci sono Locorotondo, Alberobello con i suoi meravigliosi trulli, Martina Franca, patria del capocollo e della bombetta. Viaggiando, poi, sempre più a nord, troviamo la bellissima Trani con la sua cattedrale famosa in tutto il mondo e il suo porto. Anche in questo caso il centro storico merita una visita, soprattutto nella parte che prima era il quartiere ebraico.

Ma la Puglia non è solo le province di Lecce, Brindisi, Taranto, Bari e BAT, ma c’è anche la provincia di Foggia. Qui la fanno da padrone le isole Tremiti e le bellezze del Gargano, che d’estate vengono prese letteralmente d’assalto da tutti i turisti che arrivano in Puglia e che affollano gli hotel sul promontorio del Gargano come l’Orchidea Blu. Peschici, Manfredonia con il suo golfo, sono delle perle che non si può non visitare, così come la stessa città di Foggia, che molto ha da offrire anche a chi ricerca la buona cucina locale. Per tutti i fedeli, poi, ricordiamo anche che a San Giovanni Rotondo, in provincia di Foggia, c’è il santuario dedicato a San Pio, dove è esposta la reliquia di uno dei santi più amati dagli italiani. Qui c’è anche un ospedale che è un’eccellenza non solo pugliese, ma a livello nazionale e, pertanto, la cittadina è meta di pellegrini e di malati che sperano di essere guariti in uno dei migliori centri d’Italia.

Come si vede, la Puglia è da visitare in lungo e in largo, perché non c’è un posto o una provincia che meritano più di un’altra. La cultura, l’arte e, soprattutto, la bellezza, qui è di casa ovunque e, pertanto, è bene non tralasciare nulla. E, infine, vi assicuriamo che quando ci si siede a tavola si vive un’esperienza ancora più interessante: pasta fatta dalle sapienti mani delle donne pugliesi, cime di rapa, burrate e stracciatelle, ma non si deve dimenticare neppure il pane di Altamura (vedi la ricetta), il pasticciotto leccese, il rustico leccese e, ancora, i pezzetti di carne di cavallo cotti nella “pignata”, i turcineddhi e tutti gli altri piatti della tradizione pugliese. Il tutto, naturalmente, accompagnato dal buon vino che questa regione regala a tutti gli amanti e ai buoni intenditori.

Foto realizzate per NelSalento dal fotografo Franco Mantegani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *