Dove fare le Vacanze di Pesca all’Estero: Consigli.

VACANZE DI PESCA ALL’ESTERO

Pesca con la Barca

Le vacanze di pesca, o i viaggi di pesca, sono la passione di molti pescatori per varie ragioni.

Innanzitutto, perché pescare due volte nello stesso posto se il nostro pianeta ci offre tantissime opportunità per mixare perfettamente questa attività con la possibilità di conoscere luoghi incantevoli?

La vacanza di pesca rappresenta un’occasione irresistibile per godere del meritato riposo praticando al contempo il proprio sport preferito. Ma in cosa consiste esattamente?

In pratica, si affitta per un determinato periodo di tempo, in una località italiana o straniera, una casetta privata per trascorrervi una vacanza nella quale si possa pescare con la tecnica che si preferisce: può trattarsi indifferentemente di mare, di fiume o di lago.

Si tratta di una soluzione capace di accontentare un po’ tutti: se si va con una comitiva di amici o con la famiglia, chi non ha intenzione di trascorrere le giornate a pescare può dedicarsi ad altre attività e, soprattutto, conoscere ed esplorare mondi nuovi.

Dunque, come si può notare, la vacanza di pesca racchiude in sé, in realtà, più esperienze: l’amore per il viaggio, per la scoperta e per l’avventura, il relax e la possibilità di praticare la pesca ampliando le proprie conoscenze in merito ed acquisire esperienza.

I posti per vacanze di pesca indimenticabili all’estero sono molti: CannedaPesca.eu ci consiglia quelli più rinomati ed apprezzati:

VACANZE DI PESCA ALL’ESTERO: DOVE?

Un elenco completo dei luoghi stranieri in cui è possibile vivere vacanze di pesca è lunghissimo: di seguito ci limitiamo a consigliarne alcuni. Segnaliamo:

Francia: l’esistenza di numerosi posti idonei alla pesca inseriti in contesti paesaggistici di rara bellezza, uniti all’ottima gastronomia, fanno sì che la Francia sia una delle nazioni europee in cui le vacanze di pesca sono più popolari. Fra i posti più gettonati indichiamo: litorale provenzale per la pesca in mare, Baia di Cassis, Calanche di Sormiou e di Morgiou, isole Jarre e Riou

Scozia: è una delle nazioni preferite al mondo per quanto concerne la pesca con la mosca. Negli oltre 6000 laghi e i 100 fiumi disseminati nel territorio, si possono pescare trote e salmoni di qualità superiore. Il Tay, il Tweed e lo Spey sono i fiumi più adatti alla pesca

Canada: gran parte del territorio canadese è incontaminato e nei fiumi e nei laghi è presente una variegata fauna. Gli appassionati di pesca con la mosca adorano questo Stato. Alberta e Columbia Britannica sono le zone predilette

Irlanda: gli amanti della natura la considerano un luogo incantato. È la meta perfetta per una vacanza con la famiglia: per chi ama la pesca i luoghi non mancano di certo, chi preferisce altro può dedicarsi a lunghe passeggiate a piedi e/o in bicicletta

– Egitto: la terra dei Faraoni è una delle migliori per la pesca dei pesci d’acqua dolce. Molti record mondiali di pesca hanno visto protagonista il lago Nasser.

VACANZE DI PESCA: REGOLE ED ETICA

Anche le vacanze di pesca, come ogni altra cosa in fondo, prevedono l’osservanza di alcune regole che riguardano soprattutto il rispetto dei luoghi e della fauna locali.

Siate particolarmente attenti a quanto stabilito, se vi dilettate nella pesca di trote, lucci o di pesca grezza.

Quasi tutti gli Stati interessati tuttavia, rilasciano abbastanza facilmente i permessi ai negozi specializzati e ai centri di informazione turistica, presso i quali è possibile chiedere informazioni ricevendo risposte del tutto esaurienti.

Un consiglio importante: prima di partire per il vostro viaggio di pesca, consultate con attenzione la guida di pesca relativa, dove sono indicate le leggi, le regole ed eventuali divieti in merito.

Le suddette guide inoltre, forniscono anche indicazioni precise e dettagliate sul tipo di equipaggiamento da portare con sé, quindi sull’attrezzatura adatta (e da scartare) ed eventuali accessori.

Se non siete sufficientemente preparati sotto questo aspetto, rischiate di riempire il bagaglio di viaggio con oggetti inutili che, una volta giunti a destinazione, non potrete usare.

Inoltre, tenete presente che l’attrezzatura da pesca e, in particolare, la canna, deve essere trasportata secondo le modalità previste dalle norme vigenti, soprattutto per ciò che riguarda l’aereo (ogni compagnia, fra l’altro, prevede a sua volta regole interne proprie che vanno tassativamente osservate): evitate di sbagliare attrezzatura e/o di viaggiare con oggetti superflui.

VACANZE DI PESCA ALL’ESTERO: COSA PORTARE CON SÈ ED ERRORI DA EVITARE

Ripetiamo: l’attrezzatura da pesca, soprattutto la canna, va portata in viaggio secondo regole ben precise. Queste ultime sono decisamente più restrittive per quanto riguarda l’aereo, il mezzo con cui di solito ci si sposta quando ci si reca all’estero.

Per tale ragione è di fondamentale importanza, prima di partire:

– Informarsi sulle norme vigenti nel Paese di destinazione

– Munirsi solo ed esclusivamente dell’attrezzatura che serve, da scegliere in base al tipo di pesca che si andrà a praticare

– Evitare di riempire troppo il bagaglio e di metterci dentro cose inutili e/o ingombranti.

La canna da pesca deve essere trasportata all’interno della sua custodia ed osservando le opportune precauzioni, onde evitare di dover constatare la sua irrimediabile rottura una volta sbarcati a terra!

VACANZE DI PESCA: ALTRE INFORMAZIONI

Esattamente come accade per la caccia, la stagione di pesca non è sempre aperta, quindi non è possibile recarsi in un determinato posto in qualsiasi periodo dell’anno, ma solamente quando la legge lo consente.

Il problema tuttavia, per chi proprio non sa stare lontano da lenza e stivaloni di gomma, è facilmente arginabile: basta scegliere una destinazione in cui si è certi che la stagione di pesca, in quel preciso momento, è aperta.

Il fatto che le vacanze di pesca si possano fare praticamente in tutto il mondo, è una fortuna per gli appassionati che desiderano dedicarsi a questa attività ogni volta che vogliono, senza momenti stabiliti: quando la stagione si conclude in Europa, si può andare in Nuova Zelanda e in Sudafrica, ad esempio.

La pesca da svago in fondo è un business a livello globale, e troverete sempre un luogo magnifico in cui potervi dedicare a questo sport, immersi nella tranquillità della natura e nel relax più totale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *